mylife Stories

La storia di successo di un ormone salvavita

Nel luglio 1921, i ricercatori canadesi Frederick Banting e il suo assistente Charles Best realizzarono una svolta rivoluzionaria: riuscirono per la prima volta a isolare l'insulina dal pancreas dei cani e furono anche in grado di dimostrare il suo effetto ipoglicemizzante, gettando così le basi più importanti pietra per il trattamento efficace del diabete mellito. Alla fine c'era la giustificata speranza di salvare la vita dei bambini con diabete, che fino ad allora erano sopravvissuti in media solo uno o due anni dopo la diagnosi senza alcuna opzione di terapia.

Gli scopritori dell'insulina: Frederick Banting e Charles Best.

Oggi più di 400 milioni di persone nel mondo soffrono di diabete. Solo 100 anni fa, la malattia era fatale e non c'erano quasi altre opzioni di trattamento oltre a una dieta rigorosamente a basso contenuto di carboidrati. Dalla scoperta dell'insulina, molte vite in tutto il mondo possono essere salvate e può essere fornita una terapia del diabete di successo. L'insulina fu usata per la prima volta nel 1922 su un ragazzo di 13 anni con diabete - con successo clamoroso: i suoi livelli di glucosio nel sangue pericolosamente alti migliorarono istantaneamente e visse per altri 13 anni con la sostituzione dell'insulina prima di morire di polmonite.

Produzione e lavorazione di insulina

Fino alla metà del XX secolo, l'insulina veniva ancora ottenuta dal pancreas di animali da allevamento macellati (suini e bovini). Oltre ai problemi di ottenimento, estrazione e trasporto dell'insulina, il processo di purificazione in particolare non era ancora stato perfezionato. Reazioni di intolleranza nel sito di iniezione sono state osservate abbastanza frequentemente. Nel 1982, alla ricerca di possibilità di ottimizzazione, fu introdotta per la prima volta la cosiddetta insulina umana, un'insulina geneticamente modificata prodotta da cellule di lievito o batteri riprogrammati, che era paragonabile all'insulina umana nella sua struttura proteica e quindi ben tollerata.

All'inizio era disponibile solo l'insulina ad azione rapida. Nel corso degli anni, tuttavia, sono state sviluppate insuline la cui durata di efficacia potrebbe essere influenzata dagli additivi.

Nel frattempo sono diventate disponibili insuline analogiche ad azione prolungata e molto rapida, che si differenziano dall'insulina naturale per la durata d'azione e per il profilo d'azione dovuto ad un cambiamento nella molecola dell'insulina.

Ottimizzazione degli ausili per la terapia del diabete

La terapia del diabete rappresentava ancora un vero calvario all'inizio del XX secolo: si usavano siringhe di vetro, gli aghi spessi dovevano essere affilati regolarmente e la glicemia poteva essere misurata solo direttamente in ospedale. Tuttavia, con il passare del tempo, ci sono stati grandi progressi nello sviluppo di dispositivi per la somministrazione di insulina. Allo stesso tempo, alle persone con diabete è stata data l'opportunità di curarsi in modo più indipendente: l'educazione al diabete e i misuratori di glicemia a domicilio hanno reso la vita più facile a molte delle persone colpite. Le prime pompe per insulina sono diventate disponibili per uso generale negli anni '80. Disetronic, da cui in seguito è emersa Ypsomed, è stata leader nella ricerca e sviluppo e ha introdotto sul mercato la prima pompa per insulina. In questi giorni.

Quo vadis – e dove stiamo andando

Sviluppi più recenti vanno anche oltre, ovvero nella direzione di un pancreas artificiale, il cosiddetto circuito chiuso: qui, un algoritmo controlla l'erogazione automatica di insulina da parte del microinfusore in base ai valori di concentrazione di glucosio generati dal monitoraggio continuo del glucosio (CGM).

Di conseguenza, possiamo certamente aspettarci ciò che la ricerca e lo sviluppo attuali hanno in serbo per noi - perché milioni di persone hanno ancora bisogno del miglior supporto possibile - per vivere la loro vita con il diabete nel modo più confortevole possibile. Con il suo programma di sviluppo mylife Loop, anche Ypsomed si sta muovendo proprio in questa direzione. Il programma viene implementato in tre fasi utilizzando miglioramenti funzionali basati su app, con l'obiettivo principale di consentire la somministrazione automatizzata di insulina (AID) tramite uno smartphone, rendendo così la vita più facile a molte persone con diabete. Unisciti a noi nel viaggio nel futuro della gestione personalizzata del diabete.

Clicca qui per saperne di più sul programma mylife Loop.

Torna indietro