Aghi penna per uso singolo

Questo simbolo sull’ago per penna indica che si tratta di un prodotto monouso

Solo l'utilizzo singolo degli aghi penna garantisce un'erogazione igienica ed efficace dell'insulina dal punto di vista medico.

Purtroppo, gli aghi penna vengono riutilizzati più volte da gran parte dei pazienti diabetici insulino-dipendenti. Le possibili conseguenze di questo riutilizzo sono lipoipertrofie, infezioni e perfino oscillazioni della glicemia. Ciò non causa oneri solo per i pazienti diabetici, ma anche per il sistema sanitario.

Spiegazione al microscopio

Punta di un ago penna nuovo

Solo l'utilizzo singolo degli aghi penna garantisce un'erogazione igienica ed efficace dell'insulina dal punto di vista medico. I moderni aghi penna sono prodotti monouso di massima qualità, quindi particolarmente sottili e affilati, rivestiti da un film lubrificante.

Gli aghi penna riutilizzati più volte possono perdere l'affilatura, piegarsi o ostruirsi. Residui di tessuto possono aderire all'ago.

Rischi legati all'utilizzo ripetuto di aghi penna

Chi utilizza ripetutamente gli stessi aghi penna, deve essere cosciente dei rischi a cui va incontro:

  • Le iniezioni diventano più dolorose.
  • Si osserva un aumento delle lesioni sottocutanee e dei sanguinamenti (anche degli ematomi).

  • Le lesioni favoriscono la formazione di lipoipertrofie (ispessimenti del tessuto adiposo).
  • L'ago non è più sterile, quindi il riutilizzo non solo non è igienico, ma aumenta anche il rischio di infezioni.

  • L'insulina cristallizzata e i residui di tessuto possono ostruire l'ago.
  • La presenza di bolle d'aria nella fiala può variare, pertanto può derivarne un dosaggio di insulina inaccurato oppure successivi gocciolamenti di insulina dall'ago.

Da osservare

Le iniezioni effettuate in lipoipertrofie hanno conseguenze immediate sulla terapia del diabete. In queste aree l'assorbimento dell'insulina risulta compromesso, quindi l'effetto dell'insulina è difficilmente calcolabile. La conseguenza è che si verifichino "inspiegabili" oscillazioni della glicemia.